Staurogyne repens

La Staurogyne repens è una pianta anfibia della famiglia delle Acanthaceae che solo recentemente ha ottenuto una classificazione ufficiale, infatti fino a poco tempo fa era nota solo come Staurogyne sp. Questo ritardo nella classificazione è da attribuire al fatto che solo ultimamente si è diffuso il suo utilizzo tra gli acquariofili: mentre nella sua forma emersa viene spesso confusa con la Hygrophila staurogyne (che risulta essere geneticamente la sua parente più prossima) nella forma sommersa sono molto differenti.

Staurogyne repens nome e in acquario

Il nome deriva dal greco stauros (=croce) e gyné (=femmina). Il termine repens è latino e significa “strisciante”. La Staurogyne repens, essendo una pianta bassa e cespugliosa si presta ad una posizione di primo piano nell’acquario. Il fusto, molto consistente, tende ad appiattirsi sul terreno e produce foglie lunghe 2/3 cm, ovali di un bel verde brillante.

Staurogyne repens
Staurogyne repens

L’altezza media è di 3-5 cm (a volte arriva anche a 10cm). L’apparato radicale di questa pianta è molto importante: tende a propagarsi per tutto il fondo anche in profondità?. Se la dovete togliere dopo diverso tempo è opportuno tagliare le radici e lasciarle nel fondo per evitare di sollevare mezzo acquario. Una caratteristica della Staurogyne è quella di produrre molte radici avventizie in prossimità? dei nodi del fusto, soprattutto nella fase di ambientamento.

Diffusione e crescita in natura della Staurogyne repens

La Staurogyne repens è molto diffusa nel Sud America. Nonostante si dica sia una pianta a crescita lenta, dall’esperienza di alcuni utenti è emerso che la pianta risponde molto bene alle condizioni favorevoli e cresce abbastanza rapidamente. Il fusto tende a crescere in modo strisciante sul terreno ma solo se riceve una corretta illuminazione e fertilizzazione; in caso contrario tenderà? ad alzarsi in verticale alla ricerca di luce e nutrienti.

Fertilizzazione, fondo e luce Staurogyne repens

Visto l’importante apparato radicale risulta determinate una buona fertilizzazione del fondo, abbinata ad una fertilizzazione in colonna e all’impiego di CO2. Altresì importante è la luce che deve essere medio/forte. Le carenze principali che possono colpire la Staurogyne repens sono quelle di azoto, potassio e ferro (quando manca le foglie si bucano e iniziano a marcire). Valori dell’acqua e temperatura:

  • pH: 5.5-7.5
  • GH: 3-20 °dGH
  • Temperatura: 20-28 °C

Altre recensioni e articoli sulle piante che ti potrebbero interessare: